Le frontiere dell’AI in campo artistico: parla Derrick de Kerckhove

Le frontiere dell’AI in campo artistico: parla Derrick de Kerckhove

AI e arte, il punto di vista del sociologo Derrick de Kerckhove

L’AI, per gli artisti, è e sarà innanzitutto un’opportunità: ne è convinto il sociologo belga Derrick de Kerckhove, al quale abbiamo posto alcune domande sullo stato dell’arte delle intelligenze artificiali in campo artistico.

Ecco che cosa ci ha risposto.

AI: minaccia oppure opportunità?

Di recente il World Press Photo ha fatto marcia indietro sull’ammissibilità di foto generate da AI: secondo lei, per la fotografia e in generale per la creazione artistica le AI sono una semplice minaccia o potrebbero essere un’opportunità? Come ci si dovrebbe posizionare circa l’autorialità di un’opera AI generated? 

L’intelligenza artificiale è qui non solo per restare, ma per crescere e migliorare in modo esponenziale. Anche se cambia e si adatta alle nostre esigenze sempre più varie, sta trasformando anche noi, i non utenti quasi quanto gli utenti, perché sta trasformando anche l’ambiente, il contesto e gli strumenti e i servizi che utilizzano.

L’intelligenza artificiale è la punta di diamante della trasformazione digitale e non si può fare a meno dell’una e dell’altra. Tutto questo porta a pensare che sia in corso una metamorfosi umana che, tipicamente, non è e non sarà più facile degli enormi sconvolgimenti psicologici, sociali e politici che hanno caratterizzato il Rinascimento.

Tutto ciò che possiamo sperare è che la transizione non duri 200 anni come allora. Ma se e quando la transizione sarà terminata, saremo tutti persone molto diverse, forse non così intelligenti individualmente, ma in connessione permanente e quasi diretta con una fonte universale di conoscenza strutturata e flessibile costituita da tutti gli input che abbiamo aggiunto a Internet dal 1° gennaio 1983. Questo sarà il terreno dell’esperienza umana in un futuro forse prossimo. 

Per rispondere alla sua domanda sulla fotografia, l’arte e l’autorialità in questo nuovo contesto, l’IA è carica di minacce e opportunità. Le minacce non verranno da o per i veri artisti, ma per i falsi in tutte le categorie, a meno che non si trovi il modo di rintracciarli e fermarli. Non è affatto una cosa sicura.

Per gli artisti ci saranno solo opportunità, perché il lavoro e la vocazione dell’artista è ed è sempre stato quello di testare le nuove tecnologie e di fare e dire ciò che i non artisti non si preoccupano mai di chiedere. I non artisti usano sempre le nuove tecnologie per fare cose vecchie, come usare ChatGPT per rispondere alle loro e-mail o scrivere lettere di condoglianze.

Ma immaginate cosa può fare un vero artista come Boris Eldagsen con la fotografia, ora che ci ha provato ed è stato premiato con il Sony International Photography Prize e lo ha rifiutato, proprio per porre alla giuria e a tutti le domande che state ponendo voi a me. È questo che fa un vero artista, mettere in discussione la tecnologia, non limitarsi a darla per scontata.

Infine, una parola sulla paternità: credo che l’autore sia la persona che utilizza la tecnologia con qualsiasi mezzo le venga in mente. Alcune persone senza talento o immaginazione lo fanno debolmente e producono cose banali che potrebbero non raggiungere il mercato o essere gettate in categorie kitch come quasi tutti i prodotti Midjourney, Stable Diffusion o Dall-ee, con le loro luci sinistre e la loro tavolozza cruenta.

Ma, a un certo punto, altri Boris Elgadsen emergeranno dai laboratori e insegneranno a tutti noi a vedere di nuovo. E che dire del copyright? È in via di estinzione, proprio come la privacy, che sta scomparendo come residuo del nostro passato alfabetico.

 

AI, la strada verso il conformismo?

Secondo lei si rischia di sconfinare sempre di più nel conformismo, dal momento che le AI generative si rifanno a modelli già ben noti?

Ovviamente c’è il rischio di cadere nel conformismo. Sta già accadendo, ma non perché la GenAI si ispiri a vecchi cliché, bensì perché la maggior parte degli utenti è pigra o troppo stupida per porre domande migliori di quelle generiche e quindi ottiene solo risposte generiche.

Ma se si scava un po’ più a fondo, si scoprono due cose fondamentali, una di cui si è già sentito parlare e che si chiama “ingegneria del prompt”, la nuova arte. E questa nuova “arte” sta producendo un reddito sostanziale per persone intelligenti che non hanno bisogno di imparare la programmazione per guadagnarsi da vivere, per non parlare di persone ancora più intelligenti che hanno imparato la programmazione – almeno Python – per sviluppare una miriade di varianti della chatGPT standard, come AgentGPT, ScholarGPT, CriticGPT, Business GPT, e così via.

Esistono ormai migliaia di questi nuovi modi di fare GPT (Generative Pre-trained Transformer, ndr), per lo più resi disponibili gratuitamente da veri artisti che non si preoccupano del diritto d’autore, neanche dell’authorship quanto gli scultori delle cattedrali. L’altra cosa importante da tenere a mente sui “modelli già noti” è che nella tecnologia GPT non vengono quasi mai utilizzati.

GenAI non funziona come Deepl.com. Non è particolarmente interessato a nessun modello in particolare. È interessato solo a due cose: la vostra domanda e ciò che viene dopo. Per la risposta non copia una fonte come se fosse una sorta di motore di ricerca, ma cerca ciò che segue una successione di parole, proprio come il vostro smartphone vi offre una scelta di parole alternative per completare la vostra frase.

GenAI non ha nemmeno parole nei suoi database come materiale primario per le sue risposte, ma solo numeri, o ‘token’, come vengono chiamati. L’allineamento di questi token per creare parole, frasi e disegni segue la stessa regola del “cosa viene dopo”. E a pensarci bene, probabilmente è così che funziona anche la nostra mente.

AI

Lei ha elaborato il concetto di webnwess, una sorta di intelligenza collettiva costituita dagli utenti Internet: quale ruolo ricoprono in un simile ecosistema le AI? Non ne sono, in un certo senso, un prodotto? Dopotutto, le AI apprendono da varie intelligenze umane. 

È una bella domanda, che mi fa pensare e dire che un buon intervistatore è quello che sa fare domande a cui l’intervistato non aveva pensato. Questa è a quel livello. No, non avevo pensato di inserire GenAI nell’intelligenza connessa, ma lo farò perché potrebbe fare miracoli.

Detto questo, per quanto riguarda la sua domanda, sì, l’IA generativa è effettivamente il risultato di intelligenze sia collettive (alla Levy) che connesse (alla de Kerckhove). Tutte le intelligenze connesse sono rappresentate principalmente e letteralmente dall’infinita varietà di reti e software in rete. Utilizzando una grande varietà di programmi e applicazioni, le persone si sono naturalmente evolute dalle reti umane a quelle digitali e le hanno date per scontate.

Per anni ho cercato, senza successo, di sviluppare una grammatica delle reti digitali per arrivare alle basi e vedere come costruirle fino a nuove configurazioni. Ma sembra che queste innovazioni continuino ad arrivare nuove e migliori, quindi lascio all’intelligenza collettiva il compito di produrre tecnologie connesse.

 

La creatività umana sarà potenziata

Quali potrebbero essere i modi più efficaci di tutelare la creatività umana?

La creatività umana non ha bisogno di essere protetta, semmai sarà potenziata dalle GPT. Ma la creatività è una qualità spontanea che viene data alla nascita. Tutti noi abbiamo un talento grezzo da qualche parte nella nostra composizione: il problema è riconoscerlo, e per questo c’è bisogno di persone che lo vedano.

Molte persone non si rendono conto di avere talento e quindi non hanno nulla su cui lavorare. Il talento non può essere donato alle persone, ma può essere guidato e allenato dall’educazione.

Sì, so che molte carriere brillanti sono state create non tanto dall’artista quanto dai media. Non dirò nessuno dei nomi personali che sono tentato di elencare, non voglio offendere nessuno. Prendiamo un esempio innocente di come la pura pubblicità crei un marchio dal nulla. Mi sento ingannato ogni volta che vedo un prodotto con il nome Tommy Hilfiger: è un grande nome che vende prodotti banali. Dietro il marchio non c’è altro talento che quello del team pubblicitario che lo ha promosso.

E si potrebbe dire lo stesso di praticamente qualsiasi marchio di abbigliamento, compresa Nike. I veri talenti, come COS, non hanno bisogno di spendere il loro budget per la promozione. Il passaparola è sufficiente e permette al marchio di vendere capi innovativi e di alta qualità a un prezzo molto vantaggioso.

COS è un’impresa trasformata in artista, come tutte le imprese che fanno del servizio e della qualità la priorità rispetto al guadagno. E questo si rivolge in particolare ai ristoranti. L’ottimo cibo è un’arte, lo sappiamo tutti, ma tende a perdersi in un oceano di cibo veloce e spazzatura.

 

Sfruttare le AI a proprio vantaggio

Come possiamo (se possiamo) sfruttare le AI a nostro vantaggio?

Il GPT avrà molto probabilmente un effetto positivo sulla creatività, una volta che gli artisti e chiunque altro si renderanno conto che la parte umana è in realtà il lato creativo. Il GPT restituisce solo ciò che gli viene chiesto, ma alcune tecniche di prompt possono aiutare massicciamente il GPT a essere creativo.

Prendiamo, ad esempio, le G.A.N: i Generative Adversarial Networks (Reti generative avversarie, ndr) hanno segnato il vero inizio dei trasformatori nella scena artistica generale. Come ci si poteva aspettare, è stato un gruppo di artisti francesi chiamato OBVIOUS a fare un colpaccio con la sua creazione.

Edmond de Bellamy ha raggiunto un valore sbalorditivo a un’asta. Come è andata? La GAN ha sottoposto la domanda a una rete modello tratta da 15.000 dipinti, a una rete randomizzatrice e a una rete selezionatrice che ha deciso su quale risultato agire. Voi potete fare lo stesso. Chiedete a GPT di porvi delle domande, chiedetegli di valutare criticamente le sue risposte e spingetelo fino al momento in cui diventerà creativo. Lo farà. Divertitevi.

 

Mantiki (Logic), una scultura creata su modello di un algoritmo GAN dal collettivo OBVIOUS
Mantiki (Logic), una scultura creata su modello di un algoritmo GAN dal collettivo OBVIOUS

 

Parola d’ordine: immaginazione

L’utilizzo di AI generative legate alle immagini richiede sempre l’utilizzo di un prompt testuale, dal quale dipende la buona riuscita di un’immagine. Questo non implica che anche nel creare un’immagine AI generated si debba mettere in campo un’abilità (più testuale che visiva)?

Per trovare le parole per chiedere bisogna prima immaginare cosa chiedere. Questa immaginazione è molto probabilmente molto schematica e poco definita (come la maggior parte delle domande che la gente pone alle GPT). La definizione arriverà da Midjourney, ecc. Se l’artista (o voi e io) è soddisfatto del risultato, così sia. Ma spesso può accadere che “Non si può essere soddisfatti”.

Allora si passa attraverso molte iterazioni fino a raggiungere il risultato, e questo è di per sé un approccio critico simile al metodo GAN, ma il selezionatore sei tu. Si può anche cambiare la formulazione e scoprire che il risultato è completamente diverso da quello che si stava cercando all’inizio. Anche questa è creatività, non della macchina, ma dell’uomo. Quindi, in qualsiasi modo lo facciate, la parte creativa viene da voi.

Il problema, al momento, è che la maggior parte del design e dell’arte generati dalle AI hanno un aspetto orribile (avete mai visto qualcosa prodotto e distribuito con NFT che raccomandereste a chiunque?). Spero che non finisca per diventare un genere riconosciuto prima di migliorare davvero. Stiamo ancora aspettando che i grandi artisti, i grandi fotografi ci insegnino, come ho detto, come guardare. Di questo abbiamo davvero bisogno nell’attuale confusione di ogni valore.

Condividi

Sullo stesso argomento

AI Claude, l'intelligenza artificiale avanzata sviluppata dalla Anthropic di Dario e Daniela Amodei