Marco Piccinelli

I nodi da sciogliere tra benzina e PNRR

I nodi da sciogliere tra benzina e PNRR

Appare proprio lì, vicino al cursore del mouse tra le inserzioni pubblicitarie più invasive che esistano (di cui sono zeppi i siti web dei quotidiani italiani). Tra un annuncio sulle salvifiche proprietà dello zenzero contro la pellagra o la pertosse e uno riguardante gli acari sui cuscini rigorosamente in caps lock, ri-compare anche quello del 2019 di Giorgia Meloni. Lontanissimi i tempi attuali in cui si cura ogni aspetto della presenza online: il video ritraeva Giorgia Meloni intenta a fermarsi con la macchina per una sosta di rifornimento discutendo delle accise sulla benzina. La grande stampa nazionale e le agenzie stanno rilanciando il video da giorni perché il 2023 ha portato in dote una notizia che, in realtà, appare ciclicamente nel panorama politico italiano, economico e giornalistico d’Italia: il caro-benzina.

Solo che, stavolta, c’è di mezzo la Presidente del Consiglio dei ministri e la gestione della propaganda prima del giuramento di ottobre 2022: il video è tornato ad essere molto condiviso ed è nuovamente rimbalzato nei social media.

«È una vergogna che su 50 euro di rifornimento, 35 vadano allo stato», tuonava l’allora candidata di Fratelli d’Italia, per poi scagliarsi contro le accise imposte «da quando è stato inventato il motore a scoppio» che avrebbero influito sul prezzo finale.

Luca Squieri
Luca Squieri

Luca Squieri (Forza Italia), intervistato da «Radio Radicale», mette le mani avanti e precisa: «È utile ricordare che la manovra è stata realizzata in un periodo ristretto e due terzi delle risorse sono andate al caro bollette. Nell’ambito degli interventi precedenti c’era anche lo sconto carburante e dispiace vedere come sia venuto meno ma è stato legato alla necessità di far tornare i conti: purtroppo non c’era la copertura rispetto a quello che sarebbe stato il costo». Anche perché ad ogni modo il “taglio delle accise”, come giornalisticamente viene annunciato, non era comunque nei programmi del Governo: «Dobbiamo auspicare che le dinamiche economiche del 2023 vadano meglio – e su questo c’è un buon auspicio – in modo tale da poter ripensare il Governo sulla diminuzione delle accise. Desiderio di tutti, ma devono verificarsi le condizioni compatibili. Non si tratterebbe di aumento delle accise ex-novo [il conseguente aumento dei prezzi] ma il venir meno di uno sconto straordinario che era stato introdotto».

Lo ha ribadito anche Giovanbattista Fazzolari a «La Repubblica»: «Non è in discussione la reintroduzione di uno sconto sul carburante» anche perché, sempre secondo il sottosegretario, il prezzo a 2,5€ al litro sarebbe una notizia falsa: «sono un pendolare e la benzina è a 1,8€» [1]. La quotazione per barile di petrolio, ad oggi, è fissata attorno ai 75 dollari statunitensi e si avvicina sempre di più quello che era stato definito «lo spettro dei 105 dollari al barile» diffuso da Goldman Sachs nell’aprile del 2005, anche se il prezzo del carburante alla pompa nel quarto trimestre di quell’anno era di 1.261,92€/l [2].

Giovanbattista-Fazzolari
Giovanbattista Fazzolari

La grande stampa nazionale punta il lettore a far guardare il dito anziché la luna, mirando in basso piuttosto che all’analisi complessiva della questione e magari provando a spostarne il piano delle discussioni e dei dibattiti e, cioè, che il Governo Meloni si conferma in linea con quanto dichiarato (e desiderato) più volte dalla Commissione Europea. Non stravolgere i mercati e non cedere a provvedimenti che non avrebbero potuto essere sostenuti dalla proverbiale coperta corta della Legge di bilancio. Questa è la linea che segue e che seguirà il Governo. Lo aveva detto anche il Ministro per i rapporti con il Parlamento Luca Ceriani nel mese di dicembre: «Purtroppo abbiamo una finanziaria con pochi spazi di manovra, ma il governo ha l’ambizione di durare cinque anni».

Lo scontro che si andava prefigurando all’indomani del giuramento del governo Meloni tra Fd’I e Unione Europea è ben lungi dal verificarsi. Mettersi di traverso con la finanza è cosa grossa e Meloni non ha la minima intenzione di infastidire i mercati. Lo sa bene Ursula Von der Leyen che, in visita in Italia nei giorni scorsi, si è complimentata con la Presidente Meloni: «È stato un piacere incontrarla. In visita della prossima riunione del Consiglio abbiamo discusso di come continuare a sostenere l’Ucraina; garantire un’energia sicura e accessibile; aumentare la competitività dell’industria UE; fare progressi sul patto per la migrazione. Abbiamo anche discusso dell’implementazione del Pnrr in Italia».

atlante_meloni_ursula
Giorgia Meloni e Ursula von der Leyen

Già, il Consiglio europeo: la seduta straordinaria è stata fissata per le giornate del 9 e 10 febbraio e sarà dedicata ai temi dell’immigrazione e dell’economia per cui il Governo può tirare un sospiro di sollievo almeno per uno dei due temi che saranno oggetto dell’assemblea.

Entro quella data il Governo Meloni dovrà dimostrare che i capitoli di spesa e gli “obiettivi” del Pnrr: 149 solo per il 2023. Basta non centrarne uno e salterebbero le «due nuove rate da 19 miliardi ciascuna»[3].

I consigli, le raccomandazioni, dell’Ue nei confronti dell’Italia nel corso di quest’anno saranno cruciali per lo sviluppo e il fluire del governo. Burrascoso o meno si vedrà.

Note:
[1] Serenella Mattera, Il governo nell’angolo teme la crisi di consensi. Sulle accise è scontro, 10 gennaio 2023, «La Repubblica».
[2] Prezzi medi annuali dei carburanti e combustibili – Statistiche energetiche e minerarie – Ministero dell’ambiente e della sicurezza energetica (mise.gov.it)
[3]Dino Pesole, Pnrr, Mes, competitività: l’intreccio dei dossier, 10 gennaio 2023, «Il sole 24 ore».

Condividi

Sullo stesso argomento

Tema eutanasia